Riceviamo e volentieri pubblichiamo le considerazioni del nostro consorziato, il prof. Donato Di Gaetano.

ABSTRACT

Il paper ha l’obiettivo di avanzare alcune proposte di politica economica vitivinicola per evitare uno shock da eccesso di offerta nel corso della vendemmia 2020. E’ illustrata la dimensione epocale dei cambiamenti in atto e vengono argomentate le linee guida per evitare la distruzione di parte del patrimonio produttivo, umano e culturale della vitivinicoltura nazionale.

Accanto all’obiettivo strategico individuato vengono esposti gli strumenti ordinari e straordinari di intervento dei soggetti di politica economica interessati (Governo italiano, Unione Europea, Regioni, Associazioni di categoria, ecc). Sono state individuate tre criticità di breve termine e suggeriti alcuni interventi per il loro superamento. Da ultimo, non certo per importanza, come corollario alla PROPOSTA D’IMPATTO n.1, vengono argomentate alcune indicazioni di sicurezza sanitaria nazionale e di cooperazione internazionale allo sviluppo.

L’analisi illustrata e le proposte di politica economica avanzate richiedono la loro implementazione operativa in tempi ristretti. Va definita una roadmap di confronto interistituzionale e con gli attori sociali interessati da sintonizzare con le decisioni del Governo italiano e con le decisioni del Consiglio Europeo adottate il 23 aprile scorso.

La condivisione di Metodo e Proposte scaturite da una Concertazione interistituzionale fra i soggetti di politica economica vitivinicola coinvolti potrà dare impulso alla nascita di una vera Comunità del vino nazionale, una occasione unica, un atto fondativo per il rilancio del nostro Paese nel Mondo.

PER LEGGERE E SCARICARE IL DOCUMENTO COMPLETO, CLICCA QUI