Varvaglione 1921 è nella top 100 Cantine in Italia dei maggiori produttori vitivinicoli: si colloca al 72° posto nella classifica del Corriere della Sera.

È la più grande azienda pugliese a conduzione familiare nella super classifica pubblicata nell’inserto Economia del quotidiano nazionale. Un lavoro a firma della giornalista Anna Di Martino che seleziona e premia quelle realtà vitivinicole che da un anno all’altro segnano un trend in crescita nel fatturato e che evidenziano un buono stato di salute finanziaria. Dalla vigna alla cantina fino alla rete dell’export, il lavoro svolto dalla squadra Varvaglione 1921 ha funzionato per produrre un notevole risultato grazie all’attenta interpretazione dei mercati e la produzione di vini sempre all’altezza delle sfide. “E’ una gioia poter celebrare questo successo,” commenta Marzia Varvaglione, Responsabile Marketing della famiglia che da quasi cento anni produce vino nell’area del Primitivo di Manduria. “È il frutto di un grande e appassionato lavoro di squadra coordinato da mio padre Cosimo che è il faro dell’impresa, sì familiare, ma nel tempo e con meticolosità, diventata una grande azienda.”

Una cantina che brinda al suo successo con numeri ragguardevoli di produzione: 150 ettari di vigneti di proprietà e oltre 150 in fitto, seguiti personalmente da Cosimo e Angelo Varvaglione che ne selezionano uve e ne seguono la vita agronomica. Una produzione di 4,2 milioni di bottiglie vendute in tutto il mondo esclusivamente nel mercato dell’alta ristorazione. “Una scelta non semplice,” spiega Marzia Varvaglione, “ma che portiamo avanti con determinazione e con convinzione. La nostra offerta è il risultato di una risposta consapevole a ciò che chiede il mercato degli appassionati.”